Ancora d’essere…

Parole che…nell’insieme

vogliono approfondire

concetti profondi

con visuali così personali

che…perdita di tempo è lì

a spiegarsi per qualcosa

che mai sarà la verità

in quella testa d’ognuno

di vite illuse d’aver capito

i passaggi nelle esperienze

che mai sono presupposti di misure

come a voler dare regola

attraverso una fede

che illudevole in se stessa

può appagare giudizi e pregiudizi

come me…ora

come me…che tento risposta.

La paura è sempre ciò

che rende giudicare e pregiudicare

quel che in potenza è il vietato

quel che in atto fa discostare

in quella povera fuga da se stessi

sempre nascosta chetamente

nelle ombre avrebbe detto Jung

nella caverna avrebbe detto Platone

per quella profonda inquietudine

che è pensare e fare coerente

che certo non appartiene a tutti

forse solo ai saggi

e noi…ancora non lo siamo…

  (290)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag