Ninna nanna…


Nel ritmo uguale come ninna nanna

…mai ascoltata,mai porta, mai sentita

mi cullo ora…da grande

col ritmo del mare mi perdo

come se tornassi nel mio antico guscio

e…mai musica è più beata

per me che non ho avuto.

Oggi sono qui a prendere il perduto

attraverso il ritmo del mare

mi sento abbracciata e coccolata

e…perdo il cruccio del mancato amore

e…perdono te, mamma, che non hai amato.

Io da te ho ascoltato il tuo disagio

e…non fa niente mamma

se non hai saputo dare

non fa niente, me lo prendo ora

l’affetto della natura

il grazie che ti debbo comunque.

Sono viva, sono tua figlia

e ti voglio uguale bene

anche se le cose e la vita

hanno tolto il più bello tra noi.

Ti abbraccio e ti bacio

vecchietta d’ora, rugosa e grigia

t’accetto per quel che sei

la mia mamma insieme al mare

che…nel ritmo uguale

m’accarezza al posto tuo.

  (223)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag