Il tempo fuori…

Il tempo fuori

…cosi’ raggomitolato

d’una stranezza

…cosi’ evidente fuori

porta ad essere ascoltato

con la stessa poca fascinazione

quasi fosse d’accompagno

a questa stranezza permeante

che si poggia anche dentro.

Il tempo fuori

…cosi’ grigezza

d’una pesantezza

…cosi’ raccolta dentro

porta a desiderare

quel cambiamento crescita

come fosse gia’ in atto

il cio’ che dovra’ essere

quel desiderare d’altro

che potrebbe portare il sole.

E’ un sole di luce

che come un faro dentro

potrebbe essere il dopo

nell’attimo della corsa

verso la vita e la liberta’

di quell’intensita’ conosciuta

proprio dall’impulso ad andare

incontro a cio’ che s’apre

d’una porta sbarrata

d’un muro insormontabile

dentro la forza d’un sentire… (204)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag