In un essere…

Non essere…Amore

quello da cui veniamo

nel tutto che unifica

la pieta’ di sentirlo

come fosse un affanno

nella paura di piegato

che presuppone perdenza

di cio’ che siamo in fondo

nell’intreccio di vietato

che diventa palettante

in quei limiti frapposti

tra esser uomini d’amore

non piu’ aggrappati al vuoto

identificato nella cosita’

d’esser noi stessi oggetti

quelli da usare o usati

per riempire spazio e tempo

di cio’ che non e’ pienezza

ma vuoto colmo di vuoto

ed ancora vuoto di senso

ed ancora vuoto di parole

ed ancora vuoto di spiegazione

come se fosse in questo impossibile

accettare il nostro amaro

quel noi stessi da rispettare

quel noi stessi che ci unisce

quel noi stessi che diventa globale

in un essere Amore

maledetto senso vero

che c’identifica umani…

  (372)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag