Dispersa cosi’…

Il dolore del mondo

puo’ trasformarsi in amore

nell’accettarsi per i limiti

che ci porgiamo per sopravvivere

per non essere travolti sempre

da quella vuota anonima anima

che viene dispersa cosi’

nell’impotenza di erigerla

come perfezione globale

che ci rappresenta nella diversita’.

Quell’unica essenza

che e’ dentro me e dentro tutto

e’ cio’ che e’ sacro di me

e…l’unica guerra umana

sarebbe quella d’imporla

non sopprimendola continuatamente

nel giorno per giorno perenne

che viene usurpato di vita

per l’apparenza riempita d’effimero

quasi che…quel dolore

usurpasse la realta’ illusoria

d’essere qui a giocare la partita

senza tentare mai di vincerla.

Vincere e’ l’obbligo personale

non d’un premio elemosinato

ma per l’orgoglio d’esser uomini

proiettati nel viverla di senso

questa cosa che ci e’ capitata

… non per caso

giammai per un perche’

che ognuno dovrebbe trovare… (181)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag