Estate…tempo d’amore…

Maschi che corteggiano

femmine pronte a prole

mentre risucchiano linfa

da alberi cosi’ casa

mentre frinire e’ il canto

di mille e mille cicale

che son pronte a moltiplicar

la loro vita di futuro.

Estate…tempo d’amore

anche per smarriti insetti

che cercano nel sole

d’esser solo continuita’

con quel suonar particolare

che attrae nel seguirlo e percepirlo

quasi nell’ipotizzo di siesta

che viene a far da cantilena

mentre gli occhi si chiudono

nel continuo di paciosita’

che l’incanto creato e’ appannato

quasi oblio di perdita

nell’inseguir pensieri vaghi

mentre si cade di colpo

inseguendo quella fantasia

cosi’ amica d’ali

che trasporta tra nuvole sparse

la sofficita’ d’una lietezza

inseguita ed afferrata

col frinir di cicale

che conciliano la fantasia

alla speranza presto esaudita… (153)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag