Ciò che manca…

Forse quell’invisibile

che è dentro ognuno

in quella folgorazione

di dolore e gioia

per non essere terreni

e perdenti e arresi e apparenti

ci eguaglia all’inverosimile

nella misura d’un semplice

…semplice ascolto.

Oltre le onde di frastuono

di sentirsi privi d’essenza

c’è quell’assoluto di te

…personale d’ognuno

che è la chiave giusta

per credere che …l’umano sia

la più alta concentrazione

…d’un potere

…d’una saggezza

antica…dentro noi

posseduta da pochi

forse da molti.

Io non so come sia possibile

sentirsi così gloria

quella che ci appartiene

da quando l’uomo è uomo.

Io non so come sia possibile

sentirsi invece così perduti

nella gabbia di solitudine

che accomuna l’uomo senza uomo

perchè manca qualche cosa…

  (248)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag