Quasi mai…

Questa infinita pienezza

d’uno sguardo che si riempie

…della sinfonia profonda

nell’abbraccio all’infinito

che pare appoggiar il suo amore

proprio nella sua densita’

che all’istante funge da calmiere

tra il senso d’umanita’ forviante

ed il senso d’anima che s’apre

quasi che l’incontro pare riempire

solo l’anima lasciando la parte umana

di…quel personaggio personale

che purtroppo appartiene a tutti

anche se non ci si accorge affatto

d’esser persone con le maschere

appena ci alziamo…fino a sera

quando…se si ascolta altro

si riesce a smascherare i volti

lasciando essere cio’ che sei.

Quasi mai si e’cosi’ nudi

..senza maschere  che sorreggono

le impalcature costruite faticosamente

con vite spese in questo compito

dove ognuno recita se stesso

per cio’ che fa piu’ credere la riuscita

d’una perfezione cosi’ vera

che alla fine ci credi anche tu

e…ti piace esser tale dei tali

perche’ sei davvero nello specchio il riflesso

non guardando mai pero’…i tuoi occhi spenti!

 

 

  (188)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag