Mai piu’…

La voce dell’estate

s’infila parlosa d’effetto

quasi a confortare ulteriormente

quel dolore che si placa

nella fiducia rivolta al senso.

E’ un senso che…nella rinascita

in un presente denso d’emozione

rende il dopo migliore

attraverso l’ampiezza del canto

attraverso lo sciogliere d’amore

che l’attonito sguardo raccoglie.

E’ una speranza vicina

che s’intreccia nell’abbondanza

…mai piu’ nella mancanza

…mai piu’ nel piegato

di cio’ che da’ significato

di cio’ che realmente e’ l’istante.

E’ un’apertura che diffonde

quell’interiorita’ che s’apre

al gesto di comunanza condiviso

che rimane come spiegata di perche’

mentre individuare l’interiorita’

pare voglia dare i suoi frutti

e…raccogliere oggi amore

legittimando il vero senso intrinseco

…d’un aprirsi alla vita

…d’un volare che e’ pace

mentre distribuirla anche con parole

benedice il beneficio acquisito

da una prospettivita’ non piu’ silente…

 

  (217)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag