La tua “storia”…

Afferrar te stesso

dipende dal creare

quell’occasione dentro

capace di quantizzare

quel mal tolto della “storia”

quella tua…creata da solo

come fosse qualifica di vita

quell’averla vissuta in perdita

perche’ non eri a conoscenza

degli altri risvolti dell’esistere.

Esistere e’ compiacenza

allorquando si capisce

quell’afferrar la vita

come un respiro profondo

che ogni volta usi nella paura

mentre superi l’ostacolo

d’un visibile messo a guardia

d’un invisibile messo a dimostrarti

la scelta della subitanea presenza

d’un anima cosi’ a volte visibile

pressocche’ sempre se…le dai voce

mentre respiri profondamente.

Afferrar te stesso

e’ cio’ che davvero dona

quella simbiosi d’elezione

cosi’ profonda nel viverla

conoscendo…sapendo…accettando

quella grande dose d’amorosita’

che porgi a te stesso ogni volta

quando non aver paura e’ coraggio…

 

  (586)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag