Il grido…

L’umano grido di gabbiani

fa scrutare il mare ed il cielo

per vedere d’individuare la direzione

che pare echeggiare nel silenzio

come fosse risposta del cielo

quella strana emozione

che risponde dall’altrove

come un esulto di vita trasparente

che manifesta l’attraversare confini

non piu’ blindati nei pensieri

ma guidati dall’ascolto percepito

d’un altro tipo di corrispondenza

che oggettiva la tua apertura

nel carpirne un senso d’aldila’.

Paiono quelle manifestazioni

sembianze di comunicazione

riuscenti a farti gioire assai

anche se quella semplicita’ misurata

decodifichi un’attinenza altra

cosi’ vicina alle vibrazioni estese

dall’immenso cosi’ raccolto.

D’improvviso s’acquietano

lasciando parlare il mare

che diventa musicale anch’esso

nel messaggio pacioso esteso

nell’abbraccio del sole nascente

che nei raggi m’ama piu’ di me stessa

in ogni giorno che m’identifica come persona

in ogni attimo che mi dona la speranza

in ogni respiro che mi rende anima…

 

 

 

 

  (3056)

One thought on “Il grido…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag