Cullante…

Il muoversi dell’acqua

e’…cosi’ cullante

che sembra languidezza

in quella azzurrita’

per tutto cio’ che non capiamo

perche’ il mare al solo guardarlo

…ci trasporta

nel nostro mare personale

vasto ed immenso

creato per farci da contorno

creato per farci aprire.

Il pensiero quando guardi

l’immensita’ che osservi

e…l’immensita’ che t’appartiene

perde vigore…si placa per magia

in quel cullare te stesso

…al ritmo di te

abbandonando cio’ che sembra

in…cio’ che e’

in…cio’ che sei veramente

e…non si puo’ dimenticare

il dondolio  forse inconscio

d’un liquido dov’ eravamo

…caldo e ricco

che ci ha circondato nella vita

quella che oggi e’ nostra tutta.

E’ riprendersi appartenenza

come quando non eravamo pensiero

ma…solo vita.

 

 

  (372)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag