Vestirsi…

Il gioco e’ liberta’

e’…riprendersi la vita

non come quella serieta’

d’un vestito cucito

…dentro e fuori di te

che diventa come una corazza

come una gran fregatura

come una maschera impenetrabile

che…non arrivi a capire

e da cui rimani imprigionato.

E’ un vestirsi d’ignoto

perche’ e’ cosi’ nota la parte

in quell’esser vita

che piu’ non distingui

…d’esser morto

…che t’hanno ucciso

derubato di te

deriso da te stesso

arrabbiato d’ingiustizia

cerchi il varco della liberazione

come un evaso che scappa

con la costante paura

d’esser ripreso e rinchiuso.

Dov’e’ l’uomo vero

quello destinato ad essere

quello che non fugge da se’

per tornare in quel vestito stretto

dove sempre si ritrova

dove sempre s’abbassa a non essere

quando e’…l’uomo e’ altro.

 

  (170)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag