Quanto riempirsi…

Quanto riempirsi…la bocca

d’una parolona ad effetto

che mai corrisponde le nature

in quel mai che…viene vissuta

in quel mai che…viene ascoltata

per cio’ che rappresenta…la parola.

Riempirsi di…astio

colmarsi di…rimpianto

ergersi…dentro un vittimismo

raccontarsi…solo la difficolta’

nascondersi…nel dolore

che e’ solo tuo…che nessuno capisce

fa…dell’eroe di vita

il grande uomo che cosi’ rifugia

…quella storiella nota

di personaggio mai protagonista

che fa credere poi d’esser grande

mentre la piccineria e’ padrona

di cio’ che vuoi fare ascoltare

nella platea che diventa ascoltatrice

magari falsandosi anch’essa

che e’ piu’ inguaiata di quell’attore.

Quanto riempirsi …di bugia

e’ quell’idiozia perpetuata

che affluisce come usanza

d’una mai compenetrazione

cosi’ regalante nell’obbiettivita’

quella soggettivita’ avvilita

che usa la parola…Amore

ma…non sa cos’e'…

 

  (296)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag