Caro mare…

Fulgido di pienezza

nell’orgoglio di presenza

pare accomunarsi d’intenti

quando sa esattamente chi e’.

Caro sole…eterno di luce

che tu possa essere da ora in poi

la guida a chi e’ al buio

mentre spreca tutto di se stesso

senza alcuna amicizia con la vita

cosi’ densa sempre d’amore.

Caro mare…che sei li’

a contornare la baia dormiente

nell’eternita’ del tuo esistere

per dare amore nella presenza

quando perdersi non e’ paura

perche’ carpisci altro in ognuno

quando posano se stessi

tra le tue braccia piene

di quella beatitudine acquisita

dall’esser amabile sempre

anche quando t’arrabbi un po’

per creare crescite sconosciute

a chi…ignaro dell’amore tuo

s’accosta senza attese dentro

nel marasma esistenziale singolo

che riesce a creare solo caos non pace.

Cara limpidezza dell’esistere

ognuno per quel che e’ d’intercambiabile

come ogni doppio d’uso intelligente

acquisibile da chi capisce il pregio…

 

 

 

  (230)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag