Mai…

Il tutto uguale

mai statico di se stesso

pare fermare una frazione

di quella strana coincidenza

preparatoria della successione

negli impercettibili secondi

che placano nell’attimo d’attenzione

quel cavalchio mentale

che il pensare plasma

perche’ cerca di fermare dentro

quella staticita’ mai tale

che puo’ essere esaustiva nell’emozione

di correre incontro al cio’ che e’ fermo.

Mai niente e’ fermo

nelle forme che stanziano il movimento

nel cio’ che puo’ aver significato

d’una arresa ad oltrepassare

quel vivibile d’un attimo

che t’incastra nel pensare

mentre invece sei libero di sviluppare

il dispiegamento di alleanze

quelle che il fermo immagine

che pare scatto d’omerta’

nella paura d’essere mille di te.

E…sei cosi’..rappresentazione

in un movimento di liberta’

che sposta la tua capacita’ d’esercitare

quello scatto verso l’ignoto

quella sollecitudine di gioco

mentre la trasparenza diventa un’occasione

a tutto e’…mai uguale!

  (334)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag