D’improvviso…

D’improvviso…il diluvio

negli squarci luminosi

nei fragori di tuoni

nelle corse per ripararsi

da uno scroscio continuo pioggioso

intenso  nella sua repentinita’.

D’improvviso si ritrovano…due

legati ma estranei e costretti

a stare insieme in una tomba di silenzio

mentre fuori la vita e’ spontanea.

D’improvviso i silenzi sono legami

d’una storia agli sgoccioli

come l’acqua che bagna ed agisce

come fosse una risposta arrivata

per separare e non per legare.

D’improvviso invece ecco i lampi

dentro anime di passione

travolte da singulto vita

estasiate dall’attimo intenso

d’un legato indissolubile.

D’improvviso voci di bimbi

e poi cani colmi di paura

e poi vento che segna il gocciolare

che imprime come un ricordo

il ” flash” d’una foto impressa

nell’anima che si protegge

dimenticosa quando cio’ e’ paura.

D’improvviso e’ riempirsi di speranza

e poi cosi’ di sgomenti

e poi cosi’ di voce sussurro infilata

nella sensazione di solaggine ed invece

non sei solo ma solo malinconico

perche’ e’ d’improvviso che arriva

la vita e poi la morte e poi la vita che vive

la vita e la morte e poi la morte ch’esiste!

D’improvviso e’ tutto

nell’attimo di te cosi’ pieno di te…

 

  (338)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag