Accomunati…

Cominciano barchette solitarie

a solcar la trasparenza

d’uno specchio cosi’ rilevante

quella simile solaggine accomunante

che propende a fare in modo

d’elevar l’umanita’ distratta

a diventare responsabile un poco

nella misura tale da elevarla

alla sua nascosta megnificenza

quando nella sconfinata ampiezza

d’esser soli relativamente

si e’ in grado d’ascoltarsi

nel baratto esistenziale facile

che destabilizza proprio tutti

nella falsita’ mai afferrata

di modelli gonfiati apposta

per render ancor piu’ difficile

pronunciarsi con le verita’

quelle profonde cosi’ camuffate

per quel sembrare omologati

alla dilagante offesa

d’una ignoranza palesata

attraverso il mal comune.

Punti di arrivo sconfitte

che solitamente diventano usi

d’una stranezza accomodata

che copre solo le singole aperture

ad esser consapevoli d’un gioco

dove solo noi perdiamo spessore

solo per non provare ad esser uomini…

 

  (171)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag