Come merce…

Ecco cosa pensare

…e voi con me

di cio’ che significa

…”vuotezza”.

Giovane ragazza

sollazza il suo corpo

steso al sole d’estate

non e’ di qui…ne’ italiana

ma non lo diro’ comunque.

Un vecchio proprio malconcio

s’avvicina a chiacchierare

e poi…vanno via insieme

per far del sesso merce

d’un danaro misuratore

di tanta “vuotezza”

che non scarta nessuno dei due

ma li rende squallore umano

…scambio di corpo

che oggi e’ ancora vivo

forse aspetta altro denaro

semmai il signore dovesse venire

a stendere le sue grasse mani

a porgere strette schifose.

Quanto valore dare ad entrambi

io…non lo so

ma la guardo come sondare

un’anima congelata assai

al freddo del suo paese

che rende sporca l’effige umana

ma…pure l’uomo che la usa

…come merce.

Non e’ giudizio tutto cio’

ma amara constatazione

dell’uomo divenuto cosi’ merce

da scambiare con quello sporco danaro

Dio per ora del mondo si’ concepito

e…se fosse figlia quella donna

e…se fosse padre…nonno quell’uomo

e’ cio’ che piu’ fa male al solo pensiero

d’una realta’ purtroppo in uso.

Siamo merce…siamo oggetti…siamo perdenti!

  (272)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag