Riflettendo…

Il bisogno di sentirsi accomunato

spoglia l’essere umano di verità

per la paura di confrontarsi

con l’unico nemico della simbiosi

…se stesso.

Si creano agglomerati umani

…dall’unione di due

che diventano più di due

quando unisci il più delle volte

…solo corpi nell’incontro della vita.

Quel nucleo primordiale

crea altre inevitabili unioni

c’è una casa e poi due e poi tante

c’è un paese e poi città e poi nazioni

sempre da due è iniziata

quella fetta d’umanità

trasmettendo le verità tue

e valori e certezze e modo di fare

e principi e abitudini e storia

in quei vissuti di quella realtà

che è lì…presente

a creare sempre più voragine

perchè non si rende vigore

a quel percorso personale d’ognuno

fatto d’incertezze…d’illusione

di sogni…di magie…di ricerca.

Non si rende libertà ma schiavitù

con quelle asserzioni che diventano

solo pochezza essendo frutto di limite

quel limite che blocca e ferma

non rendendo l’umano

…arbitro di sè.

Dire a chiunque

tu sei…arbitro di te stesso

significa dargli valore

significa dargli possibilità

significa dargli la scelta.

Ognuno è padrone di se stesso

in quel personale

che adotta poi anche fuori di sè

dando la stessa apertura

…dalla propria vita

a coloro che lo circondano

a coloro che educhi nel tuo cerchio

a coloro che hanno rapporto con te.

Se ogni cerchio racchiudente

…nuclei familiari

…nuclei sempre più grandi

adotasse questa libertà d’essere

con costi direi esosi

forse l’utopia dell’essere umano

non sarebbe sogno ma realtà.

Dare ad ognuno che è già provvisto

l’autonomia decisionale

…qualsiasi essa sia

sarebbe un costruire fortunato

e la persona forse sarebbe

…più felice

e…se si è felici si è realizzata

quella bellezza che aiuta ad essere

quella spinta che addolcisce l’anima

per lo meno…si sorride di più

e…sol per questo beh!

Si potrebbe tentare.

Dare sorriso a se stessi

…perchè si è contenti.

  (129)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag