Dinnanzi…

Il ciò che è dinnanzi

risponde a tutto il visibile

che rende l’invisibile

proprio nel ciò che è.

E’ un’infinita possibilità

di essere altrove

forse al limite del sapere

forse ai margini d’ovvietà

in quel porgere a se stessi

l’incanto nel canto.

E’ lo specchio l’anima

…così limpidezza

che può confondersi persino

con le mille tonalità

di ogni attimo interiore

in quella serena arresa

che è solo grado di misura

in quell’afferrare donandolo

…la superbia dell’attimo

in cui ti senti sovrastare

nella potenza d’essere.

E sei inconsapevolmente

la magia di non essere

…nell’essere re.

E’ il regno dell’assoluto

colmo solo di comunione

attraverso quel ciò che è

…visibile e bello

che condividi dolcemente

con la magia afferrante… (267)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag