Lassù…aquila…

Dolcezza di compagnoso

…che sembra scioglierti

d’un sapore d’accondiscendenza

a quella stranezza di percorsi

…quando non si è pronti

nonostante tutto

ad esser forti di decisioni.

Ogni volta schiacciato

quel torpore di mancanza

sembra…la fortezza interiore

prendere su te stesso

…è il predominio.

Come padrona indiscussa

è…la paura di vivere

quelle emozioni uragano

che portano ad ascoltare

…là…sulle cime alte

i voli impazziti d’aquile

che indisturbate regnano

nel mondo degli eletti.

Sentire l’urlo d’aquile

…fierezza d’orgoglio

non è fuggire a loro

di fronte a quello spettacolo

…d’infinita scoperta

che può qualche volta

imbattersi nel tuo grido

…quello represso ed ingoiato

maltrattato da te stesso

che…non vuoi volare

come l’aquila…lassù… (317)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag