Riecheggia…

Riecheggia l’urlo

…quello che si è lanciato

per ascoltar la propria rabbia

per sintonizzar il respiro piano

mentre è l’urlo forse pianto.

Riecheggia l’urlo

…quello che s’espande

aumentato nell’eco che rimbomba

incontro all’immenso lì davanti

che insieme al tuo d’immenso

sembra quel segnale pronto

d’una fine o d’un inizio

nel decidere per te il suo tono.

Riecheggia l’urlo

…quello che raccoglie brivido

quando il dolore visto intorno

nei profondi inesplorati

si raccoglie di pietà

si erge di piegato agire

quando la frusta t’ha colpito

quando la voce era morente

quando la vita invece chiama

e s’espande svelta di significato

quando eri piegato senza te

senza quell’urlo dominante

nella libertà proprio di suono.

Strazia l’urlo di dolore

nel braccato d’animale

inseguito dalla morte

senza quel riecheggio che urla

quello lanciato…quello espanso

quello brivido…quello che è vita… (365)

One thought on “Riecheggia…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag