Mi rivolgo a te…

Mi rivolgo a te

…caro infinito

che pensi a me sempre

dentro quell’intensità

che è anima sicuro

di rendermi così prosperosa

…ad imparare ancora

quanto l’immobile invece sia

una forza di qualità

che nella sua quantità

si dispone al dialogo intenso

che risponde come una corrispondenza

che risponde come fosse una voce

quella mia che nasce da dentro

nella pace estesa così

come fosse una magia d’amore.

E’ un dialogo senza parole

che va dove deve andare

che prende ciò che deve prendere

che dona ciò che è regalo

che attraversa il cinguettio

trasformato in ciò che capisci

rubandolo quasi di comprensione

per quanto ne capisci il senso

più delle parole…oltre le parole

tante volte d’inutile fatte

mentre l’allegria d’un canto

apre la tua armonia

più dei gesti…più di realoso

mentre taci ed è parlare…

  (261)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag