Il gioco dell’estate…

Le famiglie dell’estate

che invadono le spiagge

sono, la scena d’uno spaccato

triste e pieno di finzione.

Sembra ogni ombrellone

l’emblema d’un gruppo

che rappresenta la tipologia

d’un Italia così finzione.

Si pavoneggia il maschio capo

nel raccontare i suoi successi

nel visionare la bugia

coprendola di verità

senza mai dire che

…i soldi sono pochi

…la tensione futura è alta

…le vacanze sono ridotte all’osso

…le previsioni ancor più nere.

Per giorni interi…finge

una tranquillità fittizia

sperando che venga retto il gioco

dai suoi stessi familiari

che fingono uguale un tenore

assai più alto del potuto

assai più finto del finto

per non dar sazio al vicino

quello che d’ombrellone accanto

finge ancor di più di mille volte.

E’ il gioco dell’estate

non parlare mai della difficoltà

nel voler apparire quel che non si è… (348)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag