Rimane chiuso…

Costruirsi la propria pazzia

sembra l’arrivo solitario

d’un uomo così solo

…racchiuso in un fiore

che pur avendo la possibilità

non sboccia…rimane chiuso.

E’ chiusura al sole che nasce

è chiusura all’onda che sbatte

è chiusura al nascere sempre.

Così…barricati alla vita

tutto ciò che scorre

rimane finalizzato mai

ad aprire la vita

come un sipario che s’apre

nel modo semplice che è

…scena dentro il tempo

…scena dentro lo spazio

…scena dentro i luoghi.

Fili e fili

come ragni che creano

come fusi di tele infinite

come segnali di percorsi

dentro e fuori di ciò che è

mai di ciò che vibra davvero

come temendo ogni volta

d’esser fuori posto lì

…in mezzo alla scena

del pianto…del dolore

dell’immenso troppo grande

del piccolo troppo piccolo… (357)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag