Come ucciderla…

Forse il vento

trasporta via nubi

nel lontano sparger

di densità che si scioglie

come fosse forse il sole

che ti manca di calore.

E’ un calore interiore

che le attese non riempiono

che il tempo non riempie

che il sentir le foglie

ballare danze dimenticate

non può riempire di leggerezza

in quella disillusione amara

che sfiora a pensare negativo

che t’innalza a pensare positivo.

Sali e scendi come nube

…d’umore e di meticolosità

che fa solo danni che…non servono

nell’inutilità che porgi

a te stesso…come un nemico

diventando ostile a te.

Quasi vorresti fuggire

ma poi t’accorgi di vigliaccheria

perchè affrontar te stesso

è il coraggio dei vivi

e…non puoi e…non vuoi altro

che vivere nel pieno dell’anima

non piegato da atteggiamenti

come ucciderla l’anima

l’unico appiglio che rende… (245)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag