Ritrovarsi ancora…

Ritrovarsi ancora

a sprofondare sguardo

nella ritmica onda

che ha l’eco del silenzio

con ripercussioni soffici

…dentro il lontano

che diviene armonia.

Ritrovarsi ancora

a cercare da un movimento

…il ritmo della vita

come un andare e venire

nelle cose…negli accadimenti

che segnano il nostro ritmo

in ciò che cambia

nella musicalità d’un concerto

assai personale d’ognuno.

Ritrovarsi ancora

ad ampliare spazi

nell’aprir te stesso

ciò che non capisci

ciò che ha senso o meno

ciò che è la nullità d’un movimento

quando giochi e non lo sai

quando uccidi e non lo sai

quando non sei e cerchi d’esserci

in quella stranezza di menzogna

che cambia di te tanto

che fuggi di comprensione

perchè ritrovarsi ancora

a chiedere giustezza d’amore…

  (736)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag