Eppure…il palpito…

Eppure…il palpito

del frusciare armonioso

d’un vento che ha sapore

d’una cuccia calda

nel cuore così acceso

rivolto a chi mi pensa ora

rivolto a chi mi sogna ora

rivolto a chi ricorda ora.

E’ un ora di sognante essenza

che insieme al vento

è trasportosa d’anima

densità di speranze evidenti

nel saper riconoscere

quell’attimo da vivere

nell’insieme quando è

…apertura

densità d’abbraccio altro

ritrovato nel cercar abbandono

quasi che sia fuorviero

un dopo che s’avvicina

furtivamente si fa spazio

quello che riempie le distanze

dividenti le cose impossibili

che quando possono e vogliono

possono diventare possibilità

in quel non modificare gli assetti

che comunque da soli aggiustano

quelle paure del mistero

che legano indissolubilmente

il ciò che è meraviglia

nel palpito dell’essenza…

  (927)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag