Ombrose querce…

Ombrose querce

con quei rami aperti

sembrate chiocce d’amore

…. che accolgono

pulcini spennacchiati

quasi in quel…”pio pio”

così tenero di vocio.

Ombrose querce

vorrei avere la vostra forza

d’esser lì sempre presenti

al compito della vostra vita

che…non avete scelto

ma vi è stata data

in quel seme origine

che…vi ha creato.

Vorrei avere la certezza vostra

…in quell’esser lì

padrone d’uno spazio

delimitate di divenire

quasi statiche e ferme

che la solidità nel simbolo

è…la forza della terra

in quell’uguale che appare

nel palpito di vita

che comunque vi attraversa

nei secoli…nel tempo…nell’oggi.

Vi invidio un pò

per la solidità emanante

e…mi beo di sguardo

a pensare a voi vive

ma…più vive ora che v’ascolto…

  (297)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag