D’un viso…

Il franger d’onde

sulla scogliera arsa

bagna solo lembi

lasciando che

solo spruzzi arrivino

a destar l’allegria

di spruzzi d’acqua.

S’asciugano svelti

lambendo quell’asciutto

che si staglia netto

condensato da pietrume

mentre arrivano nuvole

grigie e gonfie anch’esse

d’altra acqua e,fonte

quasi a voler gratificare

quelle pietre carenti.

Sono solchi nelle rocce

quasi sembrano rughe

d’un viso che è vecchio

ma conserva in sè

tutta la sua bellezza.

Rughe bagnate da spruzzi

come se l’acqua fosse

un ricordo antico e lontano

quando nei giochi di bambino

spruzzavi e spruzzavi vita.

Povere rughe avvizzite

arse dal tempo di consumato

come se fossero devastazione

mentre sono esempio d’amore… (865)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag