E’ lei…

Che tristezza non condividere

quella stranezza interiore

che ti porta lontano

diventando naufrago di te

…in mezzo al mare

che non riempie realtà

che non rompe movimento

in quella piattezza

dell’insulsaggine intorno.

Come rapportarsi al nulla

…un nulla pieno però

di spettacolo meraviglioso

in ogni sfumatura di te

pieno è il nulla

mentre la trasparenza

ti rende neanche ombra

per esserlo dovresti avere corpo

e invece sei…emozione

e invece sei…consapevolezza

e sì…sono trasparenza.

E’ una condizione privilegiata

che consente d’attraversare

la cosiddetta consistenza

l’ennesima realosa pochezza

che neanche s’attacca più

proprio per la trasparenza

…trasparente trasparenza

e sei…come l’aria o vento

o…come goccia di pioggia rigante

un vetro che piange

che sembra lacrima la pioggia…

  (323)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag