I naufraghi…

I naufraghi della vita

l’hanno percorsa in fretta

quasi volendole dare sazio

dentro la spazialità d’esistere

nella gioventù mangiata

ingoiata nella fretta di viverla

gustando la prelibatezza frutto

dell’acerba foga di concretizzare

nel subito istante ciò che è

quel principio base che accomuna

il disagio disarmante

che non calibra il dare e avere

ciò che è frutto poi di maturità.

I naufraghi della vita

bruciando le tappe ponderate

prendono bastonate nei risvolti

di perdere poi l’entusiasmo

di credere in se stessi veri

quando arrivati in fondo

s’accorgono d’essersi beffati

di tutto il mondo d’anima

che li rende all’improvviso

…naufraghi della vita

così intesa di sacralità

che si cerca diafferrare nel poi

quando ancora non è tardi

ma la paura li rende prigionieri

mentre la mai crescita reale

li fa affondare dentro il dolore

appigliati se ci riescono

…ad un salvagente…salva vita… (359)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag