Su di una panchina ai”Delfini”


Seduta qui tra verde e blu

assaporo il gusto dei pensieri

ascoltando un festoso ciarlare

che mi richiama e…mi parla

dicendomi la sua verità

a differenza ohimè di noi umani

che vaghiamo così placidamente

affascinati dal non senso

quando…così candidamente

lo sguardo in una voce

assume consistenza.

Le ochette starnazzano ogni tanto

si puliscono le penne bianche

prendendo il sole luminoso

e sono esempio lo si sa

d’una fedeltà in amore

che l’umano non conosce

e…in amore inganna e ferisce

tradisce ogni rispetto di sè

mentre l’oca che definiamo giuliva

è l’esempio dell’amore come tale

rimane sola se il compagno muore

perchè gli manca la sua metà

e così fanno tante specie d’animali

che hanno più da insegnare

a noi così detti umani

intrisi di bestialità…

  (1368)

2 thoughts on “Su di una panchina ai”Delfini”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag