Il mai…

Quella non giudicabile

…dettatura dell’anima

che cataloghiamo con parole

mentre queste sono fuorvianti

…mai racchiudibili di perche’

…mai sincere nel loro cliche’

…mai ferme nella loro unione

…mai pulsanti nella loro vastita’

sono la misura d’un fermo

che l’anima non sa espandere

come se fossero le parole…la chiusura

di quell’immensita’ che e’ profondita’

d’ogni piccolo sfumante di altro

che non e’ proprio possibile fermare

nell’impedire quel fruire intenso

che e’ la forza edificante d’ognuno

che e’ il principio primo d’un inizio

che e’ il risultato ultimo diveniente

cio’ che e’ quel silenzio che definiamo

quasi fosse muto mentre non lo e’

quasi fosse bloccante mentre non lo e’

quasi fosse pacioso mentre non lo e’

per quanto edifica sentire

per quanto costruisce quell’accostarsi

cosi’ densita’ che ne disconosciamo senso

dicendo….e’ silenzio.

E’ invece tonante di se’

nella pienezza afferrata da se’

quasi un premio gustoso di sorprese

che il silenzio riempe di liberta’…

  (841)

One thought on “Il mai…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag