Il mio attimo …

Rotondita’ di cime

scostate dal lontano perdersi

quando rimirar le cime li’

sembra invece creare simbiosi

con l’immenso che chiama

a guardarlo attraversare

quella tua rotondita’ interna

cosi’ tenera di richiami

quasi che l’accostamento d’attimo

creasse la magia d’afferrare

la pace che si staglia tra i monti

che addolciscono la baia

cosi’ raccolta nel suo colore

intensita’ di purezza.

Specchiarsi nel paesaggio

sembra quel muoversi invisibile

che piano di pienezza intriso

sembra abbellirti dentro

precipitante nell’accosto

che ti percorre l’animo tutto

quasi come fosse il patrimonio

quel dono che muto e’ li’

a sincronizzare l’attimo pieno

nella gioia d’esserci

udire quel canto sparso

guardare quel creato tuo

affondare come pannoso

e’ l’emozione d’esser qui

mentre prendo il mio attimo

e…lo regalo davvero

a poterlo fare

a chi e’ meno fortunato

distratto da diversita’

che magari invece

puo’ sentirsi appagato

d’un amore cosi’ unico

regalato a manciate… (521)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag