Ed accarezzi il tempo…

Quando ancora il torpore

trasporta nell’esplorare

quella sensazione di mancanza

riempita da emozione

sembra il risveglio rimandato

per quel raccogliere dentro

la certezza d’un legame intrinseco

con cio’ che davvero e’ unito

che il canto d’uccellini allegri

sembra musicare gioiosita’

nel dubbio che trema dentro

come un cavalchio d’immagini

nitide non vaganti d’incertezza

che il poggiarsi della sensazione

t’allerta immediatamente

di quell’attesa che s’allontana

nella conoscenza certa del dopo.

E’ una veggenza che e’ speranza

nel giorno nuovo ch’apre possibilita’

che cio’ che senti coincida assai

con la verita’ ancora d’avverarsi

quel guizzo di emozione

segnale di trasporto amorevole

che si rivolge al lontano

che senti sfiorarti anima

mentre l’ascolto del cinguettio

e’ l’accompagno della trascendenza

quella che rende l’invisibile accanto

pregno d’immagini tue accarezzanti

mentre richiudi gli occhi

ed accarezzi il tempo…

  (283)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag