Ti ripeti che…

Non si puo’ travolgere

quella verita’ afferrata

fingendo che era bugia

nell’ascolto fuorviato

da cio’ che invece vuoi

che…travolgere i significati

sembra la consuetudine

facile e semplice d’essenza

che rigiri a mo’ di scusa

per sentire meno dolore.

Temi uguali accomunano

le difese verso le pieghe

quando l’amaro sovrasta

confondendo invece la dolcezza

che allorquando l’hai sentita

era ampiezza verace d’espressione

ed oggi…per non soffrire

ti ripeti che forse eri sognante

che forse eri solo abbagliato

che forse era solo miraggio.

La ragione vuole aiutarti

depistando la verita’ afferrata

quando l’anima era pienezza

di sola dolcezza vissuta.

Non falsare la verita’

sembra piu’ onesto davvero

nel rispettare osannando

quell’apertura d’anima

che ti ha dato solo felicita’

senza dimenticarla… (358)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag