Quel mai…

Sentire la sofferenza altrui

infilarsi nella tua anima

ascoltare tutto lo spasmo

di non trovare pace

di non avere corrispondenza

di non accettare i misteri

quelli che s’intrecciano cosi’

nella facilta’ di non chiedersi

quel mai del mai

che puo’ divenire diversamente porto

come rinascita d’obiettivi

come ricominciare da te stesso

come eliminare la paura

d’esistere pur se tanto fragile

di voler far pace con la paura

di voler vivere d’emozione

quella seguita e mai finita

perche’ non ha potuto evolver dentro

con l’accettazione della bellezza

che permea il tuo di cuore.

Nello specchio del momento

s’affligge la sola incuria

d’incapacita’ a donare per donarsi

nel dare si e’ sempre propesi alla natura

quella che equivale a…ingoiare il vecchio

per dissolvere cosi’ quel negativo

negato di esser garanzia

del rispetto ad avanzare dentro

nello specchio del momento

che sembra finalmente sgombro…

  (1258)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag