Che permea…

L’eterno che permea

ogni trasformata essenza

sente l’influsso del bene

quando la chiave aprente

…la coltre del mondo

sente l’influsso del non tempo

che arriva ad essere

neanche importante

quello stabilire la movenza

d’un iniziale moto

capace di creare me stesso

nella medesima circostanza

come un imput di potenza

che trasmette quell’invisibile

che pur e’ in me

che pur e’ tangibile

ogni volta che muovo la chiave

atta ad aprire un mondo

si’ fatto da meraviglia

si’ fatto da bellezza

che pur e’ mia e di tutti

che pur e’ troppo e di tanto

che pur e’ l’eterno e di vita.

L’eterno che e’ in me

vuole solo pace e la cerca

nello spasmo di vita

limite di crescita ancora

mentre sente l’eterna alternanza

quasi fosse un arrivo

mentre e’ li’ posseduto da sempre…

  (270)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag