Paura di…

E’ sempre paura di dare

quel freno interiore

che impedisce le aperture

di cuori cosi’ sensibili

che e’ preferibile la dittatura

quella che s’impone dentro

all’estensione dell’anima

capace…quasi a comando

di difendersi per non soffrire

di pugnalare a morte chi ami

di erìgersi a distruggere

pur d’impedirsi la vita.

Di fronte alla vita

c’e’ la fuga semplificatrice

che rende quel tepore interiore

preferibile a desiderare

oltre te stesso di svoltare

in quel desiderio legittimo

di Sacro individuale

perche’ capisci il potere di dare

in quel ricevere conseguenziale

che sempre significa apertura

nel pur intricato modo

d’esser iper-sensibili al fruscio

di ali farfallose che sfiorano

e…sentirne lo sbatter persino

e’…di pochi al mondo

e’…di pochi sulla terra

quasi quasi e’ proprio altrove

quell’udire cosi’ sottile…

  (262)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag