A voce alta divago…

Come si fa a non esistere

quando il tumulto della natura

porta a visualizzare

la tristezza per l’umanità

che…non si accorge

di quanto l’esistenza

…è  infinito.

Solo attraverso cio’ che non hai

t’accorgi…di quanto hai

solo dal negato trascendi

e…riesci a sapere di te la bellezza.

E’ come un sano che s’ammala

…all’improvviso

e sa così…cosa possedeva

e come se quel …non avere più

quantizza il posseduto .

Ci bombardano di notizie

della crisi…dell’economia

e questo rende il quotidiano

ancor più incerto

perchè non siamo abituati

…al sacrificio

quindi è visualizzare

che ciò che hai

…è proprio ciò che sei.

Se sei povero …rimani povero

se sei ricco…rimani ricco

senza averne alcuna consapevolezza

perchè nessuno sa davvero

qual’è la vera ricchezza

in ciò che ognuno ha da sè.

Se fossimo tutti indietro

…nella civiltà

sapremmo creare da niente

…la ricchezza quella sana

dal mare…prenderemmo pesce

dalla terra…prenderemmo frutti

dalla natura…prenderemmo vita.

Cio’ riempirebbe l’umanità

…di condivisione

e…impareremmo dall’animale

cosa è il rispetto

cosa è sopravvivere.

Gli animali della stessa specie

…non si uccidono tra loro

…non si violentano tra loro

…non si tradiscono tra loro

fanno l’amore per la specie

cacciano per mangiare

sono famiglia insieme

con equilibri di conservar se stessi

non di mangiarsi tra loro

e…senza guerre

al massimo possono contendersi

…la supremazia del più forte

e la donna da ingravidare.

E…noi umani al contrario

…facciamo la guerra

e…l’amore non c’è più

perchè la potenza è solo quella

del più furbo…del più ricco

del più destabilizzatore di tutto.

Il peccato…il tabù…il desiderare…

  (401)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag