La campana…

La campana…negli scampanellii

…eco del tempo segnante

nel rintocco della costante

che passa si’ veloce

…da mai accorgersi davvero

quanto sia la vita breve

quanto avvicinarsi al se’ profondo

sia il compito d’ognuno.

La campana riempie cosi’

quella consistenza d’un messaggio

quasi a raccontare ancora

con la sua voce espansa d’eco

lo scorrere delle lancette

che non si fermano mai davvero

anche quando si vorrebbe non ascoltarle

per non pensare alla fugacita’

quella che diventa maestra

d’un tempo della terra

che passa invano perche’ non la si rispetta.

La campana ora e’ muta

ed il silenzio tra i tetti

pare voglia accomodarsi in altro

mentre cinguettii allegri

accolgono altro in noi tutti

quando riuscire ad ascoltarsi

diventa d’improvviso vero

perche’ e’ la voce dell’anima

che pare volere la sua espressione

al di la’ d’ogni richiamo effimero

mentre t’ami un tantino solo in piu’…

  (553)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag