Si dimentica…

Quanta pace e’ l’interezza

quando non frammentati

da quelle fughe leste assai

verso il distruggere se stessi

…per non aver coraggio

d’amare e d’esser amati

in quel rifiuto eterno

che…si dimentica…dimenandosi

quasi al suicidio programmato

dentro la vana gloria

indignitosa discesa

verso gli inferi della propria anima.

Si dimentica ohime’

la bellezza cosi’ nascosta bene

in quella sorta d’urlo

che sono parole e disagio mai esplicito

d’un condannarsi ogni volta

alla perdita di preziosita’

affogata stretta nel deposito

d’un effimero gioco di morte

che s’avvia ad annullarti

come mai fosse esistita

quella musicalita’ interiore

…del canto d’anima.

Guardarsi dentro

scavando il dolore

cercandolo…estirpandolo

come fosse cio’ la vita

quella degna d’ognuno

che nasce come re sempre…

  (313)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag