Del posto che amo…

Stamane anche i cani

…sono agitati

chissa’ perche’…abbaiano forte

come se chiedessero comprensione

in un disagio forte di catena

che li tiene troppo stretti.

Il lamento e’ lacerante

…di quanto ampio

mentre il gallo or ora

ripete il suo verso

credo di buongiorno globale

alla natura risvegliante.

Solo il pigolio e’ dolce

come sempre di se’

nella costanza di tenacia

con la quale il “ci-ci” e’ felice

riempito da profusione

in quell’ascesa intensa

d’un verso cosi’ amico.

Foschia d’umido

avvolge ancora l’intorno

come fosse sfidante

d’una giornata solare

che ancora tace a se stessa

nel sole ancora nascosto

dietro nuvolaglia avvolgente

nel percorso costante di sempre

mentre il sempre-presente

sono anch’io che ascolto

il risveglio del posto che amo…

  (690)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag