Per te…uomo.

Sono piu’ dispiaciuta per te…uomo

…per colui che fugge

a riprendere nella corsa

tutta la sofferenza interiore

senza piu’ neanche amore.

Amore e’…entrare

nell’anima di quel dolore

e…sentirlo cosi’ tanto

che le parole non so fermarle.

Aprire un dolore

guardarlo in faccia

sfidarlo a tu per tu

e…con tanto rispettoso amare

cercare…se l’altro vuole

d’esprimere il pianto

d’aprirne la radice

senza giudizio alcuno

ma con analisi a “pelo”

spaccando quel “pelo” a quattro

come fosse tuo quel dolore

come fosse tuo quel grido mai urlato

perche’ tu nel dolore hai urlato un tempo

perche’ tu nel dolore hai pianto un tempo

perche’ tu nel dolore eri solo

e…conosci la voragine buia

e…conosci pero’ la risalita

e…sai che si deve e si puo’ rinascere

e…sai che c’e’ la possibilita’ sempre

d’affrontare nel viaggio personale

non scappando…non serve

ma…con il coraggio di vivere!

  (1718)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag