Non perche’…

Lo spazio piegato

come spettro divinizzato

e’ la coercizione ragionata

d’una condizione che ti chiude.

E’ soffocante la paura

di non capacita’ d’elevazione

non perche’…non hai ali

non perche’…non puoi andare oltre

non perche’…potresti riuscirci

ma e’ quella paura

lo sgomento di un disagio

perche’ voragini di abisso

piegano la spazialita’ infinita.

Lo spazio piegato

influenza la mente con il tagliare

quella catena che percepisce appieno

la sensazione che piega dentro

nel terrore di vivere senza ferire

quella dimensione inseguita

che vorrebbe invece strattonarti

con il taglio di percezioni

con il taglio di certezze

con il taglio d’emotivita’

che comunque la mente ragionosa

accetta per non impazzire dentro

perche’ non si tagliano quei fili

perche’ non c’e’ possibilita’ nell’impossibilita’

che paventarsi nelle certezze

e diventa l’unico modo per punirsi ancora…

 

  (2236)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag