01,42…

Sono minuti reali

d’un dispiego negato

che porta al buio

d’un totale piegato

alla morte del cuore

senza piu’ cavalchio

d’onde d’anima

che fluttuanti di trasparenza

sono solo emozioni.

Un minuto e quarantadue

sono centodue secondi

nel quale la voce del no

dice alla vita…crepa pure.

Io sono buio

io voglio quel buio

io so che buio e’ perdere.

Quanto dolore c’e’ ancora

nel bambino incapace

mentre neanche piu’ si degna

di…essere se stesso un eroe

quello d’uomo improvviso

che capisce e perdona

che resa l’anima luce

e’ capace d’amare per primo

…se stesso.

Quanto dolore e’ profondo

nell’esser corpo non anima

cosi’ uccise le due realta’

rese sprofondo di morte

mentre s’accosta la morte…

  (593)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag