Le pieghe…

Il tramestio frastornante

di sensi erranti per paura

di quella sana penetrazione

di verita’ inscindibili per noi

che…si sistemano d’individuazione

quando l’osservazione e’ piena

…di quello sguardo dentro

…di quella pienezza svelata

…di quella sinergia individuata

proprio nell’assetto dentro

…le pieghe del tempo

…le pieghe del disagio

…le pieghe del sentire

…le pieghe del compenetrato

come fosse l’invisibile

un vestito da sistemare addosso

nella perfezione d’un attimo

quando accarezzi pieghe goffe

che non elevano la bellezza

di quel perfetto abito che combacia

nello sguardo attento verso specchio

che riflette quel che vedi davanti a te.

Sguardo illuminato di lucentezza

approva cio’ che e’ li’…emergente

decide che e’ proprio a misura giusta

d’una percezione istintiva sviluppata

di guardarti nello specchio del mondo

e sentirti troppo o poco attinente

mentre ti porgi da solo approvazione

perche’ quell’abito sa solo dar valore…

 

  (1160)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag