L’impronta…

L’animo si ritrova

nella sua aleatorieta’

ad esser presente sempre

come l’impronta invisibile

che si visualizza per incanto.

E’ l’impronta della verita’

con la quale ci rapportiamo

con la quale ci confrontiamo

e che con la quale non si gioca.

Non possiamo giocare

con la meraviglia dell’ascolto

quando cio’ che e’ li’

non recita mai

non puo’ l’umano essere

anche nel proprio se’

essere…altro.

Non credo che…per quanto fuggenti

fuggiaschi…fuggitivi

che…non ci sia l’attimo fatale.

E’ l’attimo di verita’

come un lampo seguito da tuono

che rende lucente in un secondo

…il buio della vita

dentro la morte di se’ vissuta.

C’e’ l’attimo fatale

da cui sei intrappolato

da cui non puoi fuggire

che sia anche l’ultimo

e’ l’attimo nel quale

prendi il tuo possesso vero…

  (522)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag